Mercedesz Henger: “Finalmente si ricomincia a respirare, dopo la quarantena”

Su Instagram Mercedesz Henger ha pubblicato un nuovo scatto strepitoso che la mostra intenta ad allenarsi. Anche in henger2quarantena a causa del Covid-19 la giovane ha cercato di mantenersi in forma il più possibile, supportata dal fidanzato Lucas Peracchi, vecchia conoscenza di ‘Uomini e donne’ nonché brillante personal trainer. E l’ex naufraga vanta un fisico pazzesco: curve pericolose e lato B sodo, che pare scolpito del marmo. Rotondità da capogiro, che hanno fatto impazzire il popolo del web, che è esploso in complimenti di ogni tipo.

«Quella sensazione di… ricominciare a respirare. Piano piano…», questa la frase che accompagna l’ultima foto su Instagram di Mercedesz Henger, che nello scatto è ritratta in tenuta sportiva. La giovane figlia di Eva Henger indossa un micro-top, da cui fiorisce il davanzale esplosivo, e un paio di shorts che lasciano in mostra le gambe sinuose. Splendida, eccitante, davvero una ragazza dalla bellezza esagerata. A rendere ancora più hot la foto un dettaglio: l’ex naufraga è in ginocchio, in strada, pronta forse per ripartire per fare una corsetta.

henger1Lo scatto ha ricevuto quasi 15mila mi piace e decine di complimenti: «Sei splendida», ha scritto un ammiratore; «Sei davvero bellissima. Ma non ti affannare», ha fatto eco un altro; «Fantastico raggio di sole», ha aggiunto un fan; «Che sorriso spettacolare», ha postato un follower; «Wow, ma quanto sei fi*a?», si domanda un uomo sui social. E ancora: «Sei uno spettacolo». Insomma la foto che inaugura la fase 2 non è passata in sordina: d’altronde come si fa a resistere ad una showgirl come Mercedesz Henger. Il più invidiato dal popolo del web? Ovviamente lui, il fidanzato Lucas Peracchi, che spesso posta scatti eccitanti della sua intensa intimità con la compagna. Basta andare sul suo profilo Instagram per accorgersene…

Mercedesz Henger: “Finalmente si ricomincia a respirare, dopo la quarantena”ultima modifica: 2020-05-18T14:58:29+02:00da massimo.sbanderno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento